Web Marketing Firenze
Specialista in marketing online. Contattami!
24th Gen 2012 | by: Checcao

Non so quante mamme ci siano che hanno scelto la professione di web writer freelance. Ma so che di donne che hanno deciso di fare questo lavoro ce ne sono molte. Prima o poi avranno dei figli, almeno glielo auguro. E allora, forse, si renderanno conto di quanto sia difficile gestire famiglia, figli e lavoro. Soprattutto un lavoro come questo, che secondo me va coccolato, come fosse un altro figlio.

Essere freelance e mamma allo stesso tempo non è facile. Ed è ancora più difficile se il lavoro lo si svolge da casa. Lavorare da casa, come ho già detto altre volte, ha i suoi lati positivi. Si può pensare da sole alla gestione di bambini, si possono accompagnare in piscina, dal medico o portare con noi a fare la spesa. Un idillio, soprattutto per quelle donne che lavorano in fabbrica e che tutte queste cose non le possono fare.

Beh, un idillio… forse non proprio.

Riuscire a gestire tutto non è semplice. Soprattutto se siete all’inizio della vostra carriera e dovete passare molto tempo di fronte al pc. E per molto tempo intendo proprio molto tempo. Ore ed ore. Perché scordatevi di riuscire a fare questo lavoro dedicando giusto qualche ora al giorno. Impossibile, almeno secondo la mia esperienza.

Ecco allora una serie di regole che possono aiutare la web writer freelance che è anche mamma:

curare le amicizie: anche se lavorate da casa e ogni attimo a disposizione lo passate di fronte al pc, non evitate di coltivare le amicizie. Prima di tutto perché potreste svegliarvi una mattina, telefonare alla vostra amica e rendervi conto che non vi ricordate più il numero di telefono. Atto imperdonabile. E poi perché le amiche, quelle fidate, possono sostituirvi con i vostri bambini in caso di bisogno. In fondo a chiedere una mano non c’è niente di male, no? Ricordate però che dovete ricambiare il favore, non appena sarete disponibili.

• Educate i familiari: sembra brutto, lo so, ma è necessario educare i familiari. Soprattutto se siete una famiglia numerosa, è bene spiegare a zii e suoceri che, anche se si lavora da casa, non possiamo interrompere improvvisamente per l’ennesima visita della parente che vuole prendere un caffè. Anche se si lavora da casa, non si può mollare tutto per vedere le tende nuove della suocera. Insomma, lavorate da casa, sì, ma devono credere che lavorate in ufficio…

• Educate il marito: questo è certamente il passo più difficile. Educare il marito che continua a dire “caspita, ma la camicia… eppure sei in casa tutto il giorno!” per fargli capire che non siete casalinghe, ma professioniste. Lavorate da casa non in casa, cioè non per la casa. Io a mio marito devo dire grazie, sinceramente, perché “l’educazione” è stata rapida ed indolore. Ha capito subito, povero ragazzo, che non tutte le sere la cena può essere fatta di tre portate…

•    Educate voi stesse: imparate a delegare. Imparate anche a rendere partecipi i vostri familiari e le persone fidate, del vostro lavoro. Capiranno con più facilità la fatica che fate e vi aiuteranno più volentieri. In fondo, sono pochissimi quelli che conoscono il lavoro del web writer freelance, e per la maggior parte pensano che consista nello ‘spippolare’ senza sosta su internet. Fategli capire cosa è veramente e cosa state costruendo. Vi aiuterà perché aiuterà loro e li renderà più consapevoli.

Un ultimo consiglio ve lo voglio dare: sorridete. Sorridete tanto, mostrate una immagine sicura e serena, farà bene ai vostri figli e a vostro marito. E poi, in fondo in fondo, di motivi per sorridere ce ne sono tanti no? Anche fosse solo l’affetto che i vostri figli vi regalano con un sorriso, o quel progetto andato bene.

E se poi le cose non vanno proprio come dovrebbero, nel lavoro dico, allora io mi fermo a pensare dove ero l’anno scorso, quando il pc serviva solo per Facebook e la bambina era con la baby sitter. E il sorriso torna immediatamente.

foto:momsatwork.it

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Twitta con me